........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 
YouTube player

M5S, Giuseppe Conte l’epurator prova a liberarsi dei “rivali” Raggi e Di Battista #adessonews


Carlantonio Solimene 03 agosto 2022

È una campagna elettorale molto particolare quella che si trova a condurre Giuseppe Conte. Che deve guardarsi non solo dagli attacchi degli avversari, ma soprattutto dalle insidie interne. Perché i rapporti con Grillo sono quelli che sono, con il «Garante» che sembra più intenzionato a mettere i bastoni tra le ruote che a tirare la volata al suo «capo politico». E perché, all’orizzonte, c’è sempre l’ombra di due personaggi molto amati dal popolo grillino. E per lo stesso motivo assai temuti da «Giuseppi». Proprio per questo motivo ieri Conte ha provato ad ammansire le velleità di Virginia Raggi e Alessandro Di Battista. In maniera più chiara con la prima, più subdola con il secondo. L’ex sindaca di Roma, ha detto l’avvocato, «come tante altre persone continuerà a lavorare col Movimento: in Comune farà le sue battaglie, a partire dall’inceneritore». Il messaggio è plateale: Virginia sta bene dove sta, in Consiglio comunale in Campidoglio. E si scordi una candidatura in Parlamento che, peraltro, contrasterebbe anche con il tetto dei due mandati, perché l’ex sindaca di Roma, eventualmente, sarebbe già al quarto.

 

“Ecco quando e chi deciderà le elezioni”. La profezia di Ghisleri sul voto

 

In quanto a Di Battista, Conte la prende un po’ più alla larga: «Ne parleremo – dice se vuole, alla luce della nuova carta dei principi e del nuovo statuto, sicuramente è una persona che può dare un contributo al Movimento. Ma basta parlare di protagonismi, conflitti, gelosie e invidie». Sono diversi i messaggi inviati tra le righe. Il primo è che, se proprio l’ex parlamentare romano vuole tornare dalla Russia per candidarsi con il M5S, deve condividere lo statuto. Che è ricamato intorno a Conte per blindarne il potere e, tra le altre cose, prevede quella «continenza» verbale che poco ha a che fare col linguaggio di Dibba (anche con quello di Grillo, in verità, ma questa è un’altra storia…). Il secondo messaggio riguarda quello «stop ai personalismi» e ai «conflitti». Insomma, il ritorno di Di Battista sarebbe quello di un soldato semplice che dovrebbe fare da catalizzatore di consensi in campagna elettorale ma poi non godrebbe di alcun potere riguardo la linea politica. È tutto da vedere se l’ex deputato accetterà un ruolo così defilato. Insomma, Conte prova a proteggere la sua leadership. E, allo stesso tempo, cerca di strappare a Grillo almeno delle condizioni più favorevoli nella composizione delle liste.

 

“Il M5S è un partito imbarazzante”. Tutti contro Giuseppi, la faida con gli ex grillini

 

In discussione c’è un cardine storico del Movimento: l’obbligo di candidarsi nel collegio di residenza. Una regola che, se confermata, significherebbe addio al Parlamento per alcuni dei fedelissimi di Giuseppi, come il ministro Stefano Patuanelli e la vicepresidente Alessandra Todde, che sarebbero costretti a misurarsi nelle regioni del Nord. Dove, di fatto, il Movimento elettoralmente non esiste più. Oggi, intanto, si terrà una riunione dei coordinatori regionali del M5S – regia affidata a Roberta Lombardi, a capo del comitato Enti locali sulle regole per le candidature alle prossime politiche, in attesa del lancio delle «parlamentarie», ovvero la selezione dei candidati dal basso. Le regole di ingaggio per aspiranti deputati e senatori M5S sono in stesura, ma si va verso un allargamento delle maglie, dopo giorni in cui il garante voleva tenere intatte le vecchie regole. Sui capilista, infatti, Non è stato ancora reso noto se alla riunione parteciperà anche Giuseppe Conte. Il quale continua a impostare la sua campagna elettorale prevalentemente sul vittimismo: «Il Pd – accusa – deve assumersi di fronte ai suoi elettori le proprie responsabilità, dovrà spiegare ai suoi elettori perché si è comportato come la Lega o Forza Italia, spingendo fuori il Movimento 5 Stelle. Deve spiegare perché ha abbracciato l’agenda Draghi, deve chiarire perché ha accettato persone, penso a Sinistra Italiana, a Fratoianni, che non hanno mai votato la fiducia a Draghi».

 

Società per Azione: ecco il patto delle poltrone dopo settimane di liti

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.iltempo.it/politica/2022/08/03/news/giuseppe-conte-virginia-raggi-alessandro-di-battista-beppe-grillo-m5s-elezioni-liti-32627736/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.