........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 
YouTube player

La gaffe di Berlusconi sulla guerra in Ucraina: “Putin forzato dai comunisti”, poi scambia Zelensky per Eltsin #adessonews

Quanti problemi per Silvio Berlusconi in Veneto. Il leader di Forza Italia nella giornata di giovedì è intervenuto da remoto per la presentazione dei candidati del partito, dove regna sottotraccia il malumore. Colpa delle decisioni arrivate da Roma, con la scelta di paracadutare sul territorio la capogruppo al Senato Anna Maria Bernini, bolognese doc, al posto di Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato e seconda carica dello Stato, piazzata invece in Basilicata, provando scossoni anche nel partito lucano.

Ma quello di ieri è stato un collegamento ‘agitato’ anche per altro. Berlusconi infatti nel suo intervento, che ha spaziato su vari temi, ha parlato anche di politica estera e in particolare della Russia e del conflitto scoppiato il 24 febbraio scorso in Ucraina.

Parole, quelle dell’ex presidente del Consiglio, che danno una ricostruzione quantomeno ‘alternativa’ della guerra in corso ormai da mesi e in una fase di stallo, con le truppe di Kiev che hanno respinto l’offensiva russa e Mosca ormai costretta a concentrare i suoi sforzi solo sul Donbass già teatro di una guerra civile tra ucraini e separatisti ormai dal 2014.

Eppure per Berlusconi lo Zar Vladimir Putin non è totalmente responsabile del conflitto, che ha inferto ferite gravissime all’Ucraina. Per il leader di Forza Italia quella russa è stata “una scelta sbagliata”, ma Berlusconi spiega anche che “Putin è stato forzato dal suo Paese, dalla sua gente, dai suoi uomini del partito comunista”.

Insomma, il capo del Cremlino, l’uomo forte di Mosca, si sarebbe fatto condizionare dal politburo russo, addirittura sovietico. Non solo. Nel suo intervento Berlusconi incappa in una gaffe quando aggiunge che l’intervento russo sarebbe dovuto alla “difesa delle Repubbliche del Donbass dall’Ucraina di Eltsin”.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si trasforma così in Boris Eltsin, primo presidente della Federazione Russa dal 1991 al 1999, successore del recentemente scomparso Michail Gorbačëv e ultimo uomo a guidare il Paese prima del lungo regno di Vladimir Putin. Eltsin che è scomparso nel lontano 2007.

Quanto al conflitto in corso, Berlusconi prosegue così l’analisi: “Adesso Putin si trova ad avere dimostrato che le sue truppe non sono davvero l’armata invincibile, ha avuto delle sanzioni che hanno aumentato di molto la povertà del suo popolo. Sono andate via dalle Russia tutte le nostre imprese occidentali e si sono creati migliaia e migliaia di disoccupati”.

Romano di nascita ma trapiantato da sempre a Caserta, classe 1989. Appassionato di politica, sport e tecnologia

© Riproduzione riservata

Carmine Di Niro

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.ilriformista.it/la-gaffe-di-berlusconi-sulla-guerra-in-ucraina-putin-forzato-dai-comunisti-poi-scambia-zelensky-per-eltsin-317017/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.