........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 
YouTube player

Venezia 2022, impazza il toto-Leone: Panahi-Diop-Poitras in pole? #adessonews

(Adnkronos) – (Adnkronos/Cinematografo.it) – Impossibile prevederlo. Eppure sarebbe abbastanza facile a rigor di logica. Laddove la logica sia quella di premiare i più meritevoli. Ma i palmares di un festival, sfuggono il più delle volte a qualsiasi logica. 

Possibile che il Leone d’Oro possa tornare ad una regista donna, e a un film francese, ad un anno di distanza da La scelta di Anne – L’Événement di Audrey Diwan? Sì, è possibile. Perché il Saint-Omer di Alice Diop (tra l’altro esordio al film di finzione per la documentarista di origini senegalesi) è opera capace di coniugare il “tema” con l’intelligenza di una forma che non sia la classica, lineare, trasposizione di un racconto. 

Possibile invece che il premio più importante vada ad un regista già premiato con il Leone d’Oro, ormai nel 2000 (per Il cerchio), ma che stavolta non potrà ritirarlo per cause di forza maggiore (è in carcere)? Sì, è possibile, perché l’iraniano Jafar Panahi con No Bears (Gli orsi non esistono, prossimamente in Italia con Academy Two) è riuscito in un autentico miracolo cinematografico, realizzando dopo il già notevolissimo Tre volti un altro film che attraverso la fusione tra storia (nella storia) e linguaggio ricorda ancora una volta quale dovrebbe essere la funzione primaria di quest’arte, chiamata oggi come non mai ad una trasfigurazione del reale sempre più forte. E farlo in condizioni di cattività assume tutt’altro significato. 

E rimanendo in ambito “politico”, possibile che la presidente di giuria Julianne Moore attribuisca il Leone d’Oro ad un documentario? Possibilissimo, anzi molto probabile: c’è chi giura di averla vista piangere dopo la proiezione di All the Beauty and the Bloodshed di Laura Poitras, opera che non solo racconta Nan Goldin in quanto fotografa ma che ne fotografa l’attivismo deciso, fiero, nel contrastare la famiglia Sackler e il facile commercio dell’ossicodone. 

Questo rimanendo, come detto, nell’ambito della logica. Ma i premi, sappiamo anche questo, spesso sono anche una questione di cuore. E il cuore non può lasciar fuori Love Life di Kōji Fukada (in giuria c’è un certo Kazuo Ishiguro, premio Nobel per la letteratura), quasi sicuramente in palmares, magari premiato per la sceneggiatura, come difficile immaginare resti fuori The Banshees of Inisherin di Martin McDonagh, film che ha messo d’accordo veramente tutti qui al Lido. 

Sul fronte Coppa Volpi il Brendan Fraser di The Whale è il favorito sin dalla vigilia della Mostra, ma siamo così sicuri che Ricardo Darín (Argentina, 1985) sia totalmente fuori dai giochi? 

Per l’interpretazione femminile stesso discorso: la Cate Blanchett del divisivo Tár è la strafavorita, ma se la Mostra per la prima volta premiasse un’attrice transgender? La Coppa a Tracy Lysette (Monica) non sarebbe così peregrina. Come allo stesso tempo si potrebbe premiare lo sforzo di Ana de Armas nei panni di una dolente Marilyn nel Blonde di Andrew Dominik. Ipotizzare il bis per Penélope Cruz (L’immensità) solamente un anno dopo quella vinta per Madres paralelas è forse inverosimile. 

Ci sarà poi un “Leone del 90°” per celebrare l’anniversario del Festival? Probabilmente no. Ma in caso contrario registi come Iñárritu (Bardo) o Amelio (Il signore delle formiche) potrebbero essere presi in considerazione. 

E l’Italia? E Netflix? Sembra impossibile che resti fuori da tutto con 4 titoli in gara, magari un Leone d’Argento per la regia (Bardo) o, appunto, la “sorpresa” cool di Ana de Armas, difficile però pensare a qualcosa di più. 

Per l’Italia il discorso è ancora più complesso: magari Bones and All di Luca Guadagnino (regista con cui la Moore ha anche lavorato, nel corto The Staggering Girl per la maison Valentino, forse converrebbe ricordarlo…) alla fine non agguanta il Leone più ambito, ma Gran Premio o Premio della Giuria potrebbero arrivare. 

Molto dipenderà anche dal peso “politico” che avrà in giura Leonardo Di Costanzo: diciamo che per quanto riguarda il Premio Mastroianni, quello assegnato ad un attore o ad un’attrice emergente, ce la giochiamo su più tavoli: Margherita Mazzucco era già nota per L’amica geniale, certo, ma al cinema è la sua prima volta con Chiara. Esordienti a tutto tondo invece Leonardo Maltese (Il signore delle formiche) e Luana Giuliani (L’immensità). 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l’agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un’informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Gruppo G.R.E. dà il benvenuto a Maurizio ed Enrico Andronico

G.R.E. dà il benvenuto ai fratelli Maurizio ed Enrico Andronico, due nomi di assoluto riferimento nel panorama imprenditoriale del settore Eldom, ed alla nuova nata Nextouch S.p.A., società da loro fondata e diretta, che contribuirà, grazie al proprio know-how e ad una visione comune, alla crescita di tutto il Gruppo.  “Riconosciamo in G.R.E. quegli elementi […]

Aiget, sempre più urgente procedere con supporto Sace a filiera energia

Aiget “condivide appieno l’interrogazione al Ministro Cingolani presentata dall’on. Benamati nei giorni scorsi, nella quale si richiede ‘l’adozione di urgenti misure integrative per far fronte all’impatto economico-⁠sociale derivante dall’impossibilità’ da parte dei fornitori di energia ‘di rilasciare garanzie bancarie con valori così elevati, come l’introduzione di un meccanismo straordinario di garanzia aggiuntivo, anche con l’utilizzo […]

Giustizia, stop ‘porte girevoli’ e sistema elettorale Csm: le novità della riforma

Stop alle porte girevoli tra magistratura e politica e ai doppi incarichi, nuove regole per l’elezione dei togati al Csm, per spezzare il legame con le correnti e favorire il pluralismo, più rigore nelle nomine e nelle valutazioni periodiche di professionalità e una stretta sui magistrati fuori ruolo. Sono i cardini della riforma del Consiglio […]

Navigazione articoli

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.sbircialanotizia.it/venezia-2022-impazza-il-toto-leone-panahi-diop-poitras-in-pole/”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.