........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Bollette, la sentenza dell’Antitrust: «Vanno ripristinati i vecchi contratti» #adessonewsitalia

«Fate marcia indietro. Quelle modifiche ai contratti su e luce e gas erano illegittime e contrarie al decreto di stop del governo scattato il 10 agosto scorso, ma retroattivo». L’Antitrust passa dalle minacce all’imposizione. A nove giorni dall’avvio delle indagini istruttorie e un provvedimento che pesava ben più di un avvertimento, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato è scesa ieri di nuovo in campo per mettere al riparo decine di migliaia di clienti finiti nella morsa di modifiche improvvise dei contratti destinate a portare le bollette alle stelle nonostante i paletti fissati dal decreto Aiuti bis fino ad aprile del 2023. L’intervento dell’Authorithy è scattato dunque per obbligare le quattro società sotto il faro (Iren, Iberbrola, E.On e Dolomiti Energia) a ripristinare i vecchi contratti su luce e gas. E dunque, incassato ciascuna il suo provvedimento cautelare, ora Iberdrola ed E.On dovranno da subito «applicare le originarie condizioni di offerta» a chi «ha sottoscritto nuovi contratti a condizioni peggiorative». Ma dovranno anche «consentire di ritornare alle originarie condizioni» ai clienti che, «a seguito della risoluzione, hanno scelto un nuovo fornitore o sono stati trasferiti al regime di salvaguardia». 

APPROFONDIMENTI

Istat, inflazione ottobre vola all’11,9%. Carrello spesa al top dal 1983

GLI STEP SUCCESSIVI

Mentre Dolomiti e Iren dovranno «sospendere le illegittime comunicazioni di modifica mantenendo fino al 30 aprile il prezzo di fornitura precedente il 10 agosto».
Ma non basta. Nei confronti delle stesse quattro società, è scattato l’obbligo di informare individualmente i consumatori sul cambio di marcia. Poi, entro 5 giorni, dovranno comunicare all’Autorità, le misure adottate. Nel frattempo, rimane acceso il faro dell’Antitrust un po’ sull’intero settore ed è in attesa delle informazioni richieste alle altre venticinque imprese energetiche sulle condotte da loro adottate dopo il 10 agosto. 

{ const d = document.createElement(“div”); d.setAttribute(“id”, “adv_Inread”); here.insertAdjacentElement(“afterEnd”,d); googletag.cmd.push(function() { const slotInread = googletag.defineSlot(“/38681514,22676347843/”+impostazioni_testata.testata_dfp+”/”+impostazioni_testata.sezione_dfp+”/Inread”,[[2,1],[300,250]],”adv_Inread”).addService(googletag.pubads()); googletag.display(slotInread.getSlotId().getDomId()); _trigger(“inread.dfp.afterDisplay”, slotInread); }); }); // OUTBRAIN creation _waitFor(“cookielaw_5_denied”, () => { (function(c,div){ // setto il div e lo inserisco nel DOM div.classList.add(“OUTBRAIN”); div.setAttribute(“data-src”,”https%3A%2F%2Fwww.ilmessaggero.it%2Feconomia%2Fnews%2Fbollette_sentenza_antitrust_ripristino_vecchi_contratti-7018738.html”); div.setAttribute(“data-widget-id”,”AR_10″); c.insertAdjacentElement(“beforeBegin”,div); // carico lo script loadScript(“//widgets.outbrain.com/outbrain.js”, function(){OBR.extern.researchWidget();}); })(here,document.createElement(“div”)) }); })(document.currentScript); ]]]]]]>]]]]>]]>

Il provvedimento d’urgenza, ha spiegato l’Autorità, si è reso necessario dopo che «nessuna delle imprese ha adeguatamente giustificato la propria condotta, né ha ritenuto di modificarla». In particolare, Iberdrola ed E.On avevano comunicato ai loro clienti la risoluzione del contratto di fornitura per eccessiva onerosità sopravvenuta. E quindi a seguito dell’aumento folle dei prezzi del gas e della luce hanno «indebitamente condizionato i consumatori ad accettare un nuovo contratto a condizioni ben peggiori ovvero a passare a forniture alternative», continua la nota dell’Authority. Da parte sua Dolomiti «ha impropriamente ritenuto valide le comunicazioni di modifica unilaterale del prezzo di fornitura inviate prima dell’entrata in vigore del Decreto Aiuti bis, mentre la norma fa salve solo le modifiche unilaterali “perfezionate” ovvero effettivamente applicate prima della stessa data». Iren, infine, ha «indebitamente comunicato la scadenza delle offerte a prezzo fisso per applicare nuove e peggiorative condizioni, sostituendo le precedenti comunicazioni di modifica delle condizioni con nuove vietate dal decreto».

I TIMORI DEL SETTORE

La nuova mossa dell’Antitrust ha raccolto la soddisfazione delle Associazioni dei consumatori che, nelle scorse settimane aveva sollevato il nodo delle modifiche giudicate illegittime a partire dal 1° maggio, con un esposto alla stessa Antitrust e all’Arera, e ora chiedono anche un intervento della magistratura dopo l’esposto depositato in Procura per interruzione di pubblico servizio e inadempimento di pubbliche forniture. Forte preoccupazione è stata invece espressa da Utilitalia, le Federazione delle imprese idriche, ambientali ed energetiche, che punta il dito su una mossa dell’Authority che «radicalizza» le istruttorie avviate rischiano «di generare un gravissimo impatto sulle attività delle aziende» in un contesto «inedito di difficoltà per l’eccezionale onerosità e volatilità dei prezzi». Intanto Dolomiti, pur ribadendo la correttezza del suo operato, ha fatto sapere che asseconderà l’obbligo dell’Agcm, anche conguagliando automaticamente nella prossima bolletta eventuali differenze di prezzo fatturate nell’ultimo mese. Ma è pronta a fare ricorso.

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.ilmessaggero.it/economia/news/bollette_sentenza_antitrust_ripristino_vecchi_contratti-7018738.html”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.