........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Esame di Stato, la Commissione sbaglia a calcolare il voto: il Tar lo corregge e assegna 100 #adessonewsitalia

Erano stati nominati per dare voti e, alla fine, sono stati loro stessi “bocciati”: il tribunale amministrativo regionale ha infatti accolto il ricorso di una studentessa di Sulmona, in provincia dell’Aquila, obbligando il Miur a correggere il voto che le era stato assegnato nell’ esame di Stato tenuto la scorsa estate. I professori, o meglio i commissari d’ esame, avevano fatto male i calcoli che, per un liceo scientifico, quello dove la ragazza si è diplomata, non è proprio il massimo. Fatto è che la ragazza, Flavia, 18 anni, quando lo scorso 5 luglio ha visto i quadri è rimasta di sasso: lei che aveva avuto una carriera scolastica costellata di dieci e qualche nove, si è vista licenziare dalla sua scuola, lo sperimentale quadriennale dello scientifico Fermi, con un punteggio di 98, anziché il 100 con lode che si aspettava.

APPROFONDIMENTI

Bocciatura ingiusta, Debora Chirone risarcita con 10mila euro: «Quella prof mi ha fatto perdere un anno di lavoro»

Bocciato, fa causa alla scuola: promosso dal Tar 4 anni dopo

Tagli alla disabilità, la rivolta delle mamme lavoratrici: «Se passa questa riforma per noi è finita»

{ const d = document.createElement(“div”); d.setAttribute(“id”, “adv_Inread”); here.insertAdjacentElement(“afterEnd”,d); googletag.cmd.push(function() { const slotInread = googletag.defineSlot(“/38681514,22676347843/”+impostazioni_testata.testata_dfp+”/”+impostazioni_testata.sezione_dfp+”/Inread”,[[2,1],[300,250]],”adv_Inread”).addService(googletag.pubads()); googletag.display(slotInread.getSlotId().getDomId()); _trigger(“inread.dfp.afterDisplay”, slotInread); }); }); // OUTBRAIN creation _waitFor(“cookielaw_5_denied”, () => { (function(c,div){ // setto il div e lo inserisco nel DOM div.classList.add(“OUTBRAIN”); div.setAttribute(“data-src”,”https%3A%2F%2Fwww.ilmessaggero.it%2Fabruzzo%2Fsulmona_esame_di_stato_cento_valutazione_sbagliata_tar_sudentessa-7062652.html”); div.setAttribute(“data-widget-id”,”AR_10″); c.insertAdjacentElement(“beforeBegin”,div); // carico lo script loadScript(“//widgets.outbrain.com/outbrain.js”, function(){OBR.extern.researchWidget();}); })(here,document.createElement(“div”)) }); })(document.currentScript); ]]]]]]>]]]]>]]>

LA DELUSIONE Una delusione che non le ha solo rovinato l’estate e l’umore, ma che le ha impedito anche di accedere alle tariffe di iscrizione agevolate che l’università prevede per gli studenti diplomati a pieni voti. Quanto basta, comunque, per non far cadere la cosa, tanto più che il padre della studentessa è un avvocato che l’ingiustizia non l’ha fatta proprio passare. Ora, dopo aver ottenuto dal tribunale amministrativo regionale l’accoglimento del ricorso con la revisione del voto a 100 e il pagamento delle spese legali a carico del Miur, la sua battaglia continua. «Citerò il Miur per danni chiedendo un risarcimento di 200mila euro – annuncia Giovanni Autiero, legale e padre di Flavia – e a Natale regalerò alla scuola un pallottoliere, così riusciranno a fare meglio i conti». L’errore, a leggere le motivazioni della sentenza emessa l’altro giorno, è in effetti grossolano: la ragazza nella prova orale aveva ricevuto un 7, due 6 e due 3, per un totale di 25 punti, anziché i 23 messi nel verbale di esame. Un errore di calcolo che si è trascinato fino al voto finale, nonostante la brillante prova di esame e il curriculum impeccabile. «Tutti possono sbagliare – commenta il padre della ragazza – ma una studentessa che ha avuto per quattro anni tutti dieci e nove in pagella e che non riesce ad avere il massimo dei voti alla maturità, qualche dubbio nella commissione avrebbe dovuto instillarlo. Sarebbe bastato questo per fare una verifica e scoprire di aver sbagliato, evitando a mia figlia e a tutta la famiglia una delusione e una frustrazione che ci hanno condizionati fino alla sentenza emessa dai giudici amministrativi».

Per Flavia che aveva sperato ed era anzi sicura di ottenere la lode è stato un colpo duro, trasformatosi in rabbia una volta fatto l’accesso agli atti e aver scoperto che il massimo dei voti le era dovuto, oltre che guadagnato. Dal canto loro i commissari e la scuola hanno ammesso l’errore, ma questo non ha consentito, finora, di cambiare le carte in tavolo e il verbale di esame che, ora, è stato annullato dai giudici del tribunale. La ragazza, nel frattempo, si è iscritta alla facoltà di Farmacia all’università di Chieti «pagando la quota di iscrizione integralmente» sottolinea la famiglia, ma è chiaro che a bruciare è soprattutto l’ingiustizia subita e quel diploma appeso in camera che, seppur corretto, non avrà mai la lode che sognava.
 

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://www.ilmessaggero.it/abruzzo/sulmona_esame_di_stato_cento_valutazione_sbagliata_tar_sudentessa-7062652.html”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.